Fabrizio Politi ha trascorso anni nello studio del sistema economico odierno e passato. Questa spinta è sorta dal voler capire le ragioni della povertà, intesa cosa distribuzione del denaro iniqua sul pineta, e soprattutto della profonda recessione che stiamo vivendo. Poi, l’illuminazione. Il denaro è concentrato nelle mani di poche imprese. La ricchezza confluisce dal basso, ovvero dalle persone comuni, noi, i consumatori. Si viene così a creare una piramide. Col tempo, se i meccanismi economici rimarranno sempre gli stessi, sarà sempre maggiore la differenza tra apice e base. Fabrizio Politi e il suo team, hanno inventato un’applicazione per dispostivi elettronici, che prende il nome di Mo.Mo.Sy. Il compito di questa app è quella di catalogare tutte le maggiori multinazionali e banche e indicare se il loro comportamento economico li rende favorevoli per l’apice o per la base. L’apice, è la zona rossa, quella in cui noi,come consumatori dovremmo prestare attenzione a non fare arrivare denaro. Le aziende di questa fascia infatti assorbono il denaro senza creare un utile anche per la società in cui operano. La zona che ci deve interessare quindi è quella delle aziende più verso la base, indicate col colore verde. Fabrizio Politi ci vuole fare capire che possiamo usare questo dispositivo per controllare le nostre transazioni in modo più attento e fare circolare il denaro solo nella zona verde. Così il sistema economico non sarebbe più una piramide, ma una piramide senza punta, ovvero un trapezio. In questo nuovo sistema economico, che Fabrizio Politi rende concreto nel social network “Sixth Continent”, il profitto arriva non solo alle imprese ma anche ai cittadini. Dobbiamo immaginare un sistema che si auto-sostiene. Il flusso di denaro partendo dal basso, va verso l’alto, per poi tornare verso il basso e così via, come avviene per esempio con le correnti marittime. Le imprese verdi, grazie alla app Mo.Mo.Sy e quindi agli acquisti consapevoli dei consumatori, guadagneranno di più rispetto alle concorrenti “sleali” e riusciranno a reggere la concorrenza, potendo quindi abbassare i prezzi. Ecco come ne giova il consumatore intelligente: grazie a SixthContinent l’utile dell’impresa viene divisa in parti uguali tra il cliente, l’impresa stessa, e il cliente invitato dal cliente. Il risultato è un ambiente economico più equilibrato, dove chi agisce consapevolmente ne trae beneficio.
SixthContinent, cui si può accedere gratuitamente tramite un sito web, consente di mostrare chi sono i partecipanti all’iniziativa, non solo i compratori, ma anche le imprese. Non tutte le aziende però si trovano nella piattaforma ideata da Fabrizio Politi. Possono aderirvi infatti solo quelle virtuose, ovvero quelle che portano abbondanza alla collettività applicando una politica di concorrenze leale e una ridistribuzione del denaro equa. Ci sono criteri precisi quindi per rientrare nella “zona” verde. La selezione è resa possibile grazie all’algoritmo sui cui si basa l’applicazione, che prende anch’esso il nome di Mo.Mo.Sy. L’algoritmo effettua un controllo incrociato di diversi dati obiettivi ed effettua poi un rating per mostrarci appunto quali sono le attività virtuose e quali no.

http://www.youreporter.it/foto_CHE_NE_PENSA_FABRIZIO_POLITI_DELLA_PATRIMONIALE?refresh_ce-cp
https://vimeo.com/fabriziopoliti

https://medium.com/@fabriziopoliti
https://twitter.com/fabriziopoliti1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...